a

Latest Posts:

Sorry, no posts matched your criteria.

Follow Us:

Back To Top
preventivo adwords

Preventivo Adwords: Quanto costa la pubblicità su Google?

Vuoi creare una campagna AdWords per intercettare nuovi potenziali clienti? Stai per lanciare un nuovo prodotto e vuoi che questo non passi inosservato? Vuoi scoprire quali sono le keywords più ricercate dagli utenti per individuare nuove nicchie di mercato e opportunità di investimento?

Sappiamo bene quanto Google AdWords sia uno strumento potente per acquisire immediata visibilità online e portare traffico qualificato al proprio sito web, ma spesso non abbiamo la minima idea di quanto ci costerà.

Chiedere un preventivo è il primo passo per farsi un’idea non solo dei costi ma anche degli obiettivi che potremmo raggiungere con questo strumento. Valutare l’offerta di un’agenzia o di un consulente AdWords, però, non è sempre facile.

Vediamo, dunque, quali sono le principali voci di costo e le variabili che determinano il prezzo di una campagna AdWords.

Quanto costa una campagna Google AdWords?

Preventivo AdWords: i costi di pubblicità

Una voce a sé sono i costi di pubblicità, ovvero la somma di denaro che sei disposto a investire per promuovere i tuoi prodotti o servizi su Google.

Non esiste un minimo o un massimo di spesa, Google AdWords permette di impostare un budget giornaliero e di modificarlo in qualunque momento, in base all’andamento della campagna. Paghi solo quando un utente clicca su un tuo annuncio.

Una volta raggiunto il tetto massimo, il sistema sospende momentaneamente la tua campagna, per farla ripartire il giorno seguente.

L’unico limite nella definizione del budget, se vogliamo, è dato dal costo per click (CPC) che varia in base alla competitività del mercato: se deciderai, infatti, di posizionarti per parole chiave “più popolari”, dovrai mettere in conto un costo per click più elevato per poter entrare in competizione.

AdWords funziona come un’asta: a vincere, però, non è chi paga di più ma chi offre l’annuncio di qualità migliore, in linea con le esigenze degli utenti.

Ad oggi, la piattaforma offre moltissime applicazioni e strumenti gratuiti per effettuare una stima dei costi pubblicitari, tenendo conto delle keyword prescelte e della competitività del mercato.

Come pagare i click a Google?

Google AdWords è l’unica piattaforma pubblicitaria che permette di pagare in base a un interesse dimostrato dall’utente e non alla semplice esposizione ad un messaggio.

Lo strumento offre agli inserzionisti la possibilità di scegliere la modalità di pagamento più consona al raggiungimento degli obiettivi.

Possiamo, infatti, individuare 4 principali sistemi di attribuzione dei costi della piattaforma:

  • CPC (Costo per click), paghi solo per i click che riceve il tuo annuncio;
  • CPM (Costo per mille impressioni), paghi ogni volta che 1.000 utenti visualizzano il tuo annuncio;
  • CPA (Costo per azione), stabilisci una cifra che sei disposto a spendere quando l’utente compie una determinata azione;
  • CPV (Costo per visualizzazione), paghi ogni volta che le persone visualizzano un tuo contenuto video.

Preventivo AdWords: i costi di agenzia

Per determinare il costo di una compagna AdWords dovrai sommare ai costi pubblicitari i costi di agenzia, relativi cioè all’avvio, gestione e ottimizzazione dell’attività. Possiamo, infatti, individuare tre momenti principali nella gestione di una campagna, che corrispondono generalmente a tre voci di costo distinte all’interno del preventivo:

  1. Costi di set up, relativi alla raccolta di dati, analisi della concorrenza, individuazione di obiettivi concreti, pianificazione delle attività, stima dell’impatto e delle performance della campagna;
  2. Costi di gestione, relativi alla creazione della meccanica, schedulazione degli annunci, definizione dei paesi e delle lingue di destinazione, ricerca di keyword pertinenti e mirate, creazione di annunci e landing page;
  3. Costi di ottimizzazione, relativi a tutti quegli interventi messi in atto per elevare le performance della campagna, monitorare i risultati ottenuti ed elaborare report periodici, statistiche e A/B test.

Fare una stima dei costi di agenzia non è semplice perché le variabili che intervengono sono davvero tante:

  •  la complessità dell’account da gestire (quante campagne avviare, numero di keyword su cui investire, competitività del settore, ecc.),
  • la frequenza di aggiornamento dei gruppi di annunci,
  • l’elaborazione di creatività ad-hoc (testuale, grafico o tecnico come annunci, landing page e call-to-action),
  • la creazione di strategie di bidding,
  • la frequenza di manutenzione,
  • la redazione di report periodici.

Campagne Google AdWords: esiste un listino?

La risposta è no, non esistono sostanziali differenze di costo tra diverse tipologie di campagne. Che si voglia implementare una campagna di Ricerca, Display, Shopping, Video o App, il funzionamento è sempre lo stesso: imposti un budget giornaliero e paghi ogni qualvolta gli utenti compiono una determinata azione (cliccano su un banner, visualizzano un video, scaricano un’applicazione, ecc.).

A cambiare sono, invece, gli obiettivi che puoi raggiungere scegliendo un canale piuttosto che un altro. Qual è la rete più funzionale al raggiungimento dei tuoi obiettivi?

Rete di Ricerca

Le campagne sulla Rete di Ricerca ti permettono di raggiungere i tuoi clienti nel momento stesso in cui sono alla ricerca di un determinato prodotto o servizio. Gli annunci compaiono, infatti, nella pagina di ricerca di Google, accanto ai risultati organici, quando gli utenti interrogano il motore di ricerca.

È utile se:
Il tuo obiettivo sono i lead, il traffico di qualità e un incremento delle vendite. Se desideri cioè intercettare le richieste dei tuoi clienti e proporre soluzioni concrete ai loro bisogni.

Rete Display

Queste campagne permettono di visualizzare i banner pubblicitari in tutta la Rete Display di Google, che conta milioni di blog, siti web, video e applicazioni mobile. È possibile così intercettare gli utenti che mostrano un determinato interesse, raggiungendoli nelle primissime fasi del ciclo di acquisto.

È utile se:
Il tuo obiettivo è fare brand awareness. Vuoi cioè catturare l’attenzione degli utenti che hanno esigenze e interessi specifici, sviluppando consapevolezza intorno alla tua attività di business.

Google Shopping

Le campagne Shopping consentono di mostrare i propri prodotti su una sorta di vetrina digitale, completi di prezzo, negozio e URL al proprio sito web, così che gli utenti possano farsi un’idea precisa della tua offerta. Gli annunci possono comparire nella sezione Shopping, accanto ai risultati di ricerca organica o nei siti che ospitano spazi pubblicitari gestiti da Google.

È utile se:
Sei un rivenditore o hai un e-commerce e vuoi promuovere online il tuo inventario: incrementare il traffico verso il tuo sito web, ricevere lead qualificati e aumentare le vendite.

Video

Attraverso le campagne Video è possibile divulgare annunci video su YouTube e in tutta la rete di visualizzazione di Google. Questi possono essere inseriti prima, durante o dopo un altro video (annunci TrueView In-Stream), essere mostrati agli utenti mentre sono intenti a navigare (annunci TrueView Discovery) o in formato breve (annunci bumper).

È utile se:
Il tuo obiettivo è fare brand awareness, presentare un nuovo prodotto o servizio, proporre sconti e offerte speciali, coinvolgendo gli utenti con annunci video brevi ma accattivanti.

Universal App

Le campagne Universali per App consentono di promuovere la propria app sulle più grandi piattaforme di Google, come Ricerca, Google Play, YouTube e Display. Basta aggiungere poche righe di testo, un’offerta e alcune risorse per permettere ad AdWords di ottimizzare l’annuncio e farsi trovare dagli utenti interessati.

È utile se:
Il tuo obiettivo è incrementare i download della tua app o incentivare coloro che l’hanno già installata a riprovarla o ad aprirla per eseguire una particolare azione.

Richiedi un preventivo AdWords gratuito!

Come abbiamo visto, AdWords non ha un costo fisso e non esiste un listino prezzi. La spesa è variabile e dipende da moltissimi fattori, che in sintesi potremmo ricondurre a tre: il Costo per Click, il Costo di Settaggio e il Costo di Ottimizzazione/Manutenzione. Il primo dipende dal mercato e dal grado di competitività, il secondo e il terzo da chi svolge il lavoro.

AdWords mette a disposizione degli inserzionisti moltissime piattaforme e software (come lo Strumento di Pianificazione delle Parole Chiave e il Pianificatore Display) per elaborare una stima dei CPC e simulare la creazione di una campagna.

Per avere un’idea, invece, dell’investimento nel caso tu voglia rivolgerti a una web agency, la via più breve è richiedere un preventivo su misura.

Ora che conosci le principali voci di costo e i fattori che incidono sulla spesa finale, saprai valutare al meglio la bontà di un’offerta in funzione del ROI (ritorno sull’investimento).

Sei pronto a mettere in piedi la tua campagna? Qual è il tasso di conversione sostenibile? Che margine di profitto sei disposto a investire?

Per scoprire tutti i vantaggi di Google AdWords per il tuo business, chiedere un preventivo gratuito e ricevere una consulenza personalizzata, contattaci!

CONTATTACI PER AVERE UN PREVENTIVO!

©2018 Comunico Group | VAT IT 02075060026